Ricerca - Progetti in Corso

A continuazione sono elencati i progetti attualmente in corso nell'ambito del protocollo di ricerca del Centro Takiwasi.

1.
Valutazione dell'efficacia della medicina tradizionale amazzonica e della psicoterapia nel trattamento delle dipendenze (Progetto ATOP)

Ricercatore / Responsabile: Brian Rush, Fernando Mendive, Sara García

Istituzioni Collaboratrici: Centro per le dipendenze e la salute mentale (CAMH) - Canada, Associazione multidisciplinare per la conservazione delle tradizioni indigene Nierika - Messico.

Questa ricerca mira a valutare sistematicamente gli effetti terapeutici e l'efficacia del trattamento della tossicodipendenza sviluppato e applicato da oltre 20 anni dal Centro Takiwasi, nella regione di San Martín, in Perù, che si basa sulla complementazione della medicina tradizionale amazzonica con la psicoterapia moderna. Questo è uno studio di coorte prospettico osservazionale e longitudinale che include metodi misti. Sarà incluso un campione di 30 pazienti residenti a Takiwasi. I partecipanti completeranno i questionari quantitative e condurranno colloqui qualitativi all'ingresso e all'uscita del trattamento, e a 3, 6, 9 e 12 mesi dopo la dimissione. Gli strumenti misurano la gravità della dipendenza, la quantità e la frequenza del consumo, la motivazione per il trattamento, la salute mentale, la qualità della vita, la spiritualità e la soddisfazione del servizio. Le interviste esploreranno in profondità le esperienze soggettive dei pazienti riguardo il trattamento ed i possibili meccanismi esplicativi relativi all'efficacia del trattamento. Inoltre, questa ricerca includerà un'etnografia del contesto terapeutico di Takiwasi decrivendo sia il luogo fisico che le idee culturali sul problema e sui processi di guarigione presenti tra il personale di Takiwasi. Questa ricerca fa parte di un progetto di ricerca internazionale chiamato ATOP a cui collaborano diversi paesi americani (Brasile, Canada, Perù, Messico e Argentina). I risultati di questa ricerca saranno condivisi con quelli condotti in altri paesi al fine di valutare congiuntamente l'efficacia dell'uso della medicina tradizionale amazzonica per il trattamento delle dipendenze a livello interculturale. Per la presentazione completa vedi: Ayahuasca Treatment Outcome Project


2.
Transdisciplinarietà interculturale in Guatemala e Perù: una piattaforma di apprendimento nord-sud-sud per servizi di sanità pubblica culturalmente rilevanti per le popolazioni indigene

Ricercatore / Responsabile: Caroline Maake (Principal Investigator, Switzerland), Tatiana Paz Lemus (Guatemala), Juan Rubén Ruiz Zevallos (Peru)

Istituzioni Collaboratrici: L’Università di Zurigo (Facoltà di Medicina) dirige il progetto in collaborazione con i consigli locali del Perù e del Guatemala composti da istituzioni accademiche, associazioni indigene, esperti di medicine tradizionali e parti interessate dei settori della sanità pubblica dei diversi paesi.

Nonostante gli sforzi fatti in passato, l'assistenza medica per le popolazioni indigene in America Latina rimane precaria. Ciò si evince, tra l'altro, dalla loro maggiore probabilità di ammalarsi e da un tasso di mortalità più elevato rispetto al resto della popolazione. Le cause sottostanti sono complesse. Tuttavia, la mancanza di cooperazione tra sistemi medici divergenti praticati in parallelo, vale a dire la biomedicina occidentale e la medicina tradizionale indigena, può essere considerata un grave ostacolo al miglioramento dell'assistenza medica in questi paesi. Nel nostro progetto, incentrato su Perù e Guatemala, creeremo le condizioni per una piattaforma di apprendimento interculturale e globale che tenga conto dei concetti di medicina tradizionale indigena e biomedicina convenzionale. Come prerequisito per questo, l'obiettivo iniziale del progetto sarà quello di esaminare e documentare accuratamente i fondamenti della medicina indigena in termini di salute, malattia e terapia da un punto di vista medico e socio-scientifico. Il passo successivo includerà gli approcci incentrati sul paziente, in cui il personale medico occidentale e i medici tradizionali stabiliranno collaborazioni mediche congiunte. Saranno organizzati seminari di accompagnamento per le parti interessate come spazio per lo scambio di esperienze, la comunicazione transdisciplinare e lo sviluppo di futuri concetti medici efficienti e inclusivi. In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, si spero che questo progetto rafforzi in modo sostenibile le tradizioni locali, riduca le disuguaglianze sociali, rafforzi il diritto alla salute e all'istruzione e, di conseguenza, promuova la creazione di società pacifiche e inclusive. Questo progetto è finanziato dal Programma svizzero di ricerca sulle questioni globali per lo sviluppo (programma r4d). Ulteriori informazioni


3.
Descrizione della dieta nel Centro Takiwasi dal punto di vista dei partecipanti

Ricercatore / Responsabile: Tereza Rumlerová

Istituzioni Collaboratrici: Dottoranda, Dipartimento di Psicologia, Palacky University, Olomouc, Repubblica Ceca.

La strada verso la conoscenza di sé, delle proprie esperienze, sogni e missione di vita, è qualcosa che molti cercano oggigiorno. Alcuni intraprendono un viaggio verso la conoscenza di sé andando in diversi centri che offrono yoga, meditazione e molto altro. Altre forme di conoscenza di sé possono essere i metodi che inducono stati di coscienza alterati. L'ayahuasca è una bevanda allucinogena della medicina tradizionale amazzonica che viene spesso utilizzata nella Repubblica Ceca. Alcuni viaggiano in Amazzonia per sperimentarla. Ma se vogliamo conoscere la medicina tradizionale amazzonica, scopriamo che la maggior parte dei guaritori percepisce la dieta come la chiave per trattare molti problemi di salute fisica e mentale. La dieta è una pratica che non ha ancora avuto molto spazio nel campo scientifico e include l'assunzione di piante maestro che svolgono un ruolo chiave nel processo e vengono ingerite in isolamento in un piccolo tambo, dove i partecipanti trascorrono sette giorni con una dieta molto rigorosada seguire. Questa ricerca fornirà una descrizione completa di questo metodo, concentrandosi sugli effetti percepiti nel processo, sulle esperienze durante la dieta e sulla sua percezione a lungo termine. L'acquisizione dei dati sarà effettuata attraverso interviste semi-strutturate, analisi di documenti scritti (lettere motivazionali e protocolli) e osservazioni proprie.


4.
Esplorare le percezioni sulla "purga" all'interno dei rituali di Ayahuasca nel contesto della tossicodipendenza: uno studio qualitativo con guaritori e terapeuti in un centro di riabilitazione dalla droga in Perù

Ricercatore / Responsabile: Svet Lustig Vijay

Istituzioni Collaboratrici: Studente magistrale in sanità pubblica presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine (LSHTM), Regno Unito.

Attraverso interviste faccia a faccia con terapeuti, guaritori e preparatori di piante presso il Centro Takiwasi, e un'analisi secondaria dei dati delle esperienze vissute da pazienti con Disturbo da Uso di Sostanze (DUS), lo studio proposto mira a studiare le percezioni e le narrazioni di terapeuti, guaritori e pazienti, sulla "purga" all'interno della cerimonia di Ayahuasca nel contesto della tossicodipendenza. Per quanto a conoscenza dell'autore, nessuno studio di questo tipo è stato ancora condotto fino ad oggi. Dato che lo studio proposto mira a esplorare le percezioni e le narrazioni sulla purga durante le cerimonie di Ayahuasca in guaritori, terapeuti e pazienti con DUS, sembra ragionevole astenersi dal formulare ipotesi specifiche, come spesso accade nella ricerca convenzionale in cui si testano ipotesi per lo più quantitativi. Tuttavia, l'analisi preliminare del materiale pubblicato dal Centro Takiwasi e la precedente esperienza del ricercatore a Takiwasi suggerisce che terapeuti, guaritori e preparatori di piante possono percepire "la purga" in termini di effetti su (A) il "corpo fisico", disintossicando il corpo delle sostanze che creano dipendenza (B) il "corpo psico-emotivo", attraverso il rilassamento emotivo dopo il vomito intenso, che si dice rilasci cariche psicologiche, emozioni o atteggiamenti negativi (C) lo "spirito" o il "corpo energetico", "purificando" il corpo dagli spiriti maligni che a volte si dice posseggano il paziente.


5.
Curare la dipendenza con la medicina amazzonica: protocollo di valutazione del processo di 6 punti chiave di questa terapia

Ricercatore / Responsabile: Anne Denys

Istituzioni Collaboratrici: Associazione francese di etnofarmacologia, Scuola di sanità pubblica dell'Università di Nancy, Laboratorio di ricerca APEMAC di Metz.

In Sud America sono state sviluppate terapie che incorporano tecniche di medicina tradizionale per il trattamento delle dipendenze. La letteratura suggerisce che sei dei punti chiave di una di queste terapie sono: l'esperienza della morte iniziatica, l'evacuazione di una carica emotiva, la scoperta della vocazione, il riconoscimento della propria responsabilità, della sacralità della vita o della natura e che solo l'uso rituale di sostanze psicoattive naturali può essere utile. L'obiettivo è dimostrare la validità di questi 6 punti chiave e dimostrare, per ciascun punto chiave, che i pazienti che raggiungono il punto chiave, nel follow-up mostreranno risultati migliori rispetto agli altri pazienti un anno dopo aver terminato il trattamento.


6.
Esplorazione degli effetti della dieta associata al rituale dell’Ayahuasca: indicatori di successo terapeutico al Centro Takiwasi

Ricercatore / Responsabile: Sacha Amato

Istituzioni Collaboratrici: Studente di Master in Psicopatologia, Facoltà di Psicologia e Neuroscienze, Università di Maastricht, Paesi Bassi.

Il progetto tenta di ottenere una comprensione della rilevanza di alcuni aspetti dell'esperienza del paziente a Takiwasi e di come questi aspetti potrebbero predire il successo del trattamento. Il potenziale ruolo centrale dei contenuti delle visioni indotte dall'Ayahuasca sarà discusso con il team terapeutico di Takiwasi. Saranno analizzati i dati già esistenti e registrati nel sistema Plus di Takiwasi. Nello specifico verranno analizzati i protocolli ASI, post-Ayahuasca e post-dieta. Anche le lettere di presentazione verranno consultate per esplorare l'influenza delle motivazioni dei pazienti all'arrivo a Takiwasi. L'ASI servirà come misura del "successo del trattamento". Saranno condotte interviste con i terapeuti di Takiwasi per guidare in modo più efficace l'approccio della ricerca; ovvero, il contributo di queste interviste aiuterà a selezionare e analizzare i contenuti dei protocolli che avranno un focus centrale nell'indagine. I risultati attesi sono l'identificazione di elementi delle sessioni di Ayahuasca e delle diete in grado di predire efficacemente la traiettoria di trattamento dei pazienti. In particolare, si vogliono indagare i diversi apporti terapeutici dell'Ayahuasca con e senza la dieta, e potenzialmente identificare le sinergie e i diversi apporti delle due terapie.


7.
Neurologia dei rituali con profumi: studio sperimentale dell'effetto dei profumi e degli odori sull'attività neurale durante i rituali eseguiti a Takiwasi

Ricercatore / Responsabile: Antoine Renard

Istituzioni Collaboratrici: Dottorato, arte e scienze SACRe Università PSL (Paris Sciences & Lettres).

Questo studio sull'effetto di profumi e odori sull'attività cerebrale è uno sviluppo di una ricerca più ampia sui "guaritori perfumeros", iniziata nel 2019. L'obiettivo della ricerca è comprendere meglio l'impatto dei profumi e degli odori sui pazienti durante il processo di guarigione presso il Centro Takiwasi. Per questa fase della ricerca sperimentale, il ricercatore si sottoporrà a una serie di rituali legati ai profumi all'interno del contesto pedagogico di Takiwasi, indossando un'attrezzatura speciale chiamata casco "EEG", che è uno strumento che cattura l'attività cerebrale e la codifica in dati grezzi. Questi dati verranno successivamente analizzati e interpretati in visualizzazioni. È importante tenere presente che questa ricerca si situa tra il mondo accademico e il mondo artistico. L'obiettivo del programma di dottorato SACRe è quello di consentire ai ricercatori artisti di lavorare sulla creazione di conoscenza attraverso processi creativi, all'interno di una cornice riconosciuta dalle istituzioni accademiche. Dall'inizio della ricerca sui perfumeros, un aspetto problematico è definire come i profumi e gli odori generano l'effetto curativo, fino ad ora l'attenzione è stata posta sulla percezione sensibile, intellettuale ed emotiva del profumo, la presente ricerca si pone l'obiettivo di accedere ai dati neurali generati dal cervello stesso, come prova dell'efficienza del processo di guarigione.


8.
Ikaros in modelli non turistici per partecipanti non locali a rituali di medicina amazzonica prima e dopo il COVID-19

Ricercatore / Responsabile: Owain J. Graham

Istituzioni Collaboratrici: Dottorando in etnomusicologia, Università della California Riverside, Stati Uniti.

Il progetto si concentra sull'uso di ikaros come parte delle tecniche della medicina tradizionale amazzonica nei dintorni della città di Tarapoto. Il progetto tenta di indagare su come vengono utilizzati gli ikaros, come vengono appresi, quali sono le differenze stilistiche tra gli ikaros dei diversi guaritori a Takiwasi e come vengono vissuti dal punto di vista dei guaritori/praticanti della medicina amazzonica e dei partecipanti locali e stranieri con diversi livelli di esperienza con la medicina. Questo progetto è un'etnografia qualitativa ed esplorativa; ovvero, non vi è alcuna ipotesi in fase di verifica. In questo progetto ci si aspetta di approfondire tre questioni che mancano nella letteratura accademica: 1) non c'è abbastanza spiegazione degli ikaros soprattutto in contesti multiculturali, 2) non c'è abbastanza spiegazione dei modelli non turistici in cui gli stranieri possono partecipare alle pratiche della medicina tradizionale amazzonica, 3) perché è un fenomeno nuovo, mancano spiegazioni degli effetti della pandemia di COVID-19 nei centri di medicina amazzonica e la risposta di questi centri e guaritori alla malattia e alla situazione di pandemia prolungata. Alcuni dei centri che utilizzano la medicina tradizionale amazzonica nel dipartimento di San Martín, compreso il Centro Takiwasi, offrono modi in cui gli stranieri possono partecipare a cerimonie medicinali in modi non turistici o "meno turistici" rispetto a quelli descritti nella letteratura antropologica. Un obiettivo di questo progetto è indagare come le operazioni di questi centri si distinguano da quelle di centri turistici; ad esempio, se le interazioni tra operatori e/o guaritori e visitatori alimentano il desiderio di conoscere la medicina tradizionale, le culture locali e di interagire in questi contesti in modo rispettoso.


9.
Integrazione di pratiche terapeutiche tradizionali e convenzionali. Uno studio dell'evoluzione professionale degli psicoterapeuti del Centro Takiwasi

Ricercatore / Responsabile: Clémence Forestier-Dupuch

Istituzioni Collaboratrici: Master in psicologia clinica, Libera Università di Bruxelles.

Il quadro generale di questo studio si riferisce all'integrazione della medicina tradizionale con quella convenzionale/"occidentale". Questo argomento sarà affrontato attraverso lo studio dell'evoluzione professionale degli psicoterapeuti del Centro Takiwasi nell'integrazione delle pratiche della medicina tradizionale amazzonica. Gli obiettivi principali della ricerca sono: raccogliere le testimonianze dei terapeuti che utilizzano la psicoterapia combinata con la medicina tradizionale amazzonica nella loro pratica clinica; capire cosa ha portato questi terapeuti a interessarsi particolarmente allo sciamanesimo amazzonico praticato al Centro Takiwasi; capire quale percorso di formazione e/o iniziazione è stato necessario per costruire la propria pratica clinica; osservare se conservano, nella loro definizione di guarigione, i contributi teorici della loro formazione "iniziale" e conoscono i contributi teorici che si aggiungono a o sostituiscono il paradigma teorico iniziale del terapeuta; evidenziare i fattori che incoraggiano i terapeuti a praticare un trattamento che includa la medicina tradizionale amazzonica; proporre illustrazioni di questa pratica con casi di pazienti, per descrivere il modo in cui la medicina tradizionale amazzonica è associata e come si percepiscono i benefici ei limiti di questa associazione terapeutica, secondo il punto di vista del terapeuta. Si propone di effettuare una ricerca qualitativa esplorativa, attraverso la seguente procedura di raccolta dati: interviste ai terapeuti di Takiwasi (per lo più psicoterapeuti), sotto forma di intervista semi-strutturata; osservazione della pratica clinica come tirocinante nell'area terapeutica. Data la natura esplorativa di questo studio, i risultati attesi sono aperti alle scoperte fatte durante lo studio. Ci si aspetta di osservare una concezione della cura e della malattia diversa da quella utilizzata dagli psicoterapeuti "occidentali", ridefinendo così l'obiettivo della cura ei suoi mezzi. Desideriamo poter offrire esempi pratici di integrazione pratica clinica tra medicina “tradizionale” e “occidentale”.


Formulario de contacto

×